top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreClaudia Scarpati

LA FAME NERVOSA È UN PROBLEMA AFFETTIVO?

I disturbi alimentari non sono mai legati al cibo.

La correlazione più significativa che è stata messa in evidenza è quella che c’è tra gli stili di attaccamento sviluppati nell’infanzia e l’insorgere del disturbo alimentare già nella preadolescenza.

Per chi soffre di fame nervosa, i problemi di attaccamento si manifestano come problemi alimentari.

In questo senso, i comportamenti alimentari disfunzionali diventano un modo per riempire o evitare un vuoto emotivo più profondo, spesso primitivo.

Identificare questo modello è possibile, così come è possibile rompere e curare il rapporto malsano con il cibo.


I disturbi alimentari riguardano molte cose, ma raramente, se non mai, il cibo.

L'ossessione per il cibo e il mangiare sono più spesso che mai il riflesso di una fame emotiva, non fisica.

Chi soffre di Binge Eating o Fame Nervosa ha imparato che i propri bisogni non sono poi così importanti come quelli degli altri, sviluppando una profonda voragine emotiva, un vuoto difficile da colmare.

Nel tentativo di riempire questo vuoto, i Binge Eaters (trad. “mangiatori compulsivi”) chiudono l’accesso a tutte quelle parti di sé che si collegano interiormente alla propria vita emotiva.

Piuttosto che affrontare i sentimenti che provano o concentrarsi sulle relazioni che stanno vivendo, utilizzano il cibo, che diventa la relazione primaria nella propria vita.

I Binge Eaters possono contare sul cibo come sul migliore degli amici, possono controllarlo, odiarlo, amarlo e dettare i termini della relazione, il che può creare – temporaneamente -una sensazione di sicurezza o stabilità.

Nel tempo, il cibo diventa il simbolo, o la rappresentazione fisica, del sentirsi indegni d’amore.


I disturbi alimentari e l'alimentazione disordinata rappresentano quindi il sintomo del problema e non sono il problema stesso.

Le persone che sono dipendenti dal cibo o dalle diete di solito soffrono di bassa autostima e di sentimenti intrinseci di indegnità.

Per controllare questi sentimenti, si rivolgono al controllo dell'assunzione di cibo.

Per le persone che si sentono sopraffatte o addirittura tradite dalle proprie emozioni, è infatti più facile contare le calorie che sentire la profondità della propria tristezza o qualsiasi altro tipo di disagio emotivo.


  • QUALE È LA CONNESSIONE TRA I PROBLEMI DI ATTACCAMENTO E I DISORDINI ALIMENTARI?


Quando parliamo di attaccamento in terapia, ci riferiamo a come qualcuno si relaziona con se stesso, con gli altri e con il mondo.

Ci "attacchiamo" ai nostri caregiver primari e, a seconda di come rispondono ai nostri bisogni, impariamo a rispondere a nostra volta.

In altre parole, interiorizziamo la relazione che abbiamo con i nostri caregivers, che si traduce nella relazione che abbiamo con noi stessi.

I modelli di attaccamento si sviluppano entro il primo anno di vita e probabilmente si consolidano entro i quattro anni.


Ci sono due tipi principali di attaccamento: sicuro e insicuro.

All'interno dello stile di attaccamento insicuro, ci sono tre sottotipi: ansioso, evitante e disorganizzato.


Avere UNO STILE DI ATTACCAMENTO SICURO significa che il vostro caregiver primario era sensibile a voi per la maggior parte del tempo e soddisfaceva i vostri bisogni in un modo che sembrava caldo, sicuro e coerente.

Quando avevate bisogno di attenzione, cibo o conforto, il vostro caregiver - di solito un genitore, e di solito vostra madre - ve li forniva e lo faceva in un modo che non era imbarazzante o spaventoso.

Quando tua madre diceva che usciva ma che sarebbe tornata, tornava.

Quando ti facevi male, lei rispecchiava la tua tristezza dicendo: "Mi dispiace che ti sia fatta male. Lascia che ti faccia sentire meglio".

Quando si cresce con questo tipo di stile di attaccamento sicuro, si dipende dagli altri in modo appropriato e ci si permette di essere accuditi dagli altri.

Ti senti sicuro perché chi si prende cura di te ti ha dato la sicurezza che sei degno e capace, che non sei un peso e non occupi troppo spazio.


Gli stili di attaccamento insicuri mancano di questa coerenza e calore.

UNO STILE DI ATTACCAMENTO PREOCCUPATO/ANSIOSO di solito proviene da un ambiente in cui la madre era lei stessa ansiosa e non in grado di soddisfare i bisogni del bambino.

Uno stile di attaccamento evitante si sviluppa quando i bisogni di un bambino non sono costantemente soddisfatti.

Questi bambini possono essere fisicamente accuditi ma emotivamente non sono visti.

I genitori che sono distaccati, respingenti o evitanti possono spesso produrre uno stile di attaccamento in cui il bambino arriva ad aspettarsi che i propri bisogni non saranno soddisfatti e, per proteggersi dalla delusione, si allontanerà dalle relazioni.

E poiché ha sperimentato le relazioni come inaffidabili o sgradevoli, non vuole dipendere dagli altri e non vuole essere dipendente.

Trancia via di netto le proprie emozioni e sentimenti perché, quando ha provato forti emozioni nell’infanzia, le è stato detto che non erano valide e che non avrebbe dovuto sentirsi in quel modo.

Prendendo le distanze dalla propria esperienza emotiva, tiene gli altri a distanza e può diventare invisibile negando i propri sentimenti e bisogni anche a se stessa.


UNO STILE DI ATTACCAMENTO DISORGANIZZATO si sviluppa in un ambiente familiare estremamente caotico ed è di solito associato a profondi traumi.

Spesso, le donne che sviluppano uno stile di attaccamento disorganizzato dimostrano difficoltà significative nelle relazioni, confondendo l'amore con l'abuso, ed hanno grandi difficoltà a navigare nel proprio mondo interiore poiché spesso si sentono intrinsecamente indegne.


  • QUALE È LA CORRELAZIONE TRA LO STILE DI ATTACCAMENTO E IL BINGE EATING?


Le donne che hanno uno stile di attaccamento preoccupato/ansioso gravitano verso comportamenti alimentari disfunzionali, in particolar modo verso le abbuffate.

Queste sono donne che sperimentano se stesse come inadeguate e hanno un’intensa paura di essere abbandonate, vivendo un costante e profondo senso di vuoto interiore.

Come un modo per sentirsi intera o piena, la donna si rivolge al cibo per il conforto.

Più si mangia, più ci si sente pieni.

La pienezza, quando parliamo di sensazioni fisiche, può spesso sostituire la sensazione di essere pieni nelle relazioni.

C'è qualcosa di importante nelle abbuffate: essenzialmente, si sta incontrando un vecchio amico, qualcuno che è sempre stato lì per te.

Non sei più vuota; ti senti piena, così piena forse che il disagio ti distrae da qualsiasi altro sentimento tu possa avere.

Dopo che l'abbuffata è finita, si viene sopraffatti dall’autocritica e dalla vergogna, allontanandosi così – ancora una volta - dall'esperienza originale di dolore emotivo che ha portato all'abbuffata.


  • COME SI RIDEFINISCE IL RAPPORTO CON IL CIBO E IL MANGIARE?


Il recupero dal disordine alimentare inizia con la comprensione che quel comportamento è stato adattivo per un certo tempo.

E' servito come una strategia per gestire il dolore che ti ha fatto funzionare in un sistema che promuoveva e supportava quel comportamento disfunzionale.

Guarire dal Binge Eating significa avere auto-compassione - dire a se stessi: "Ho fatto il meglio che potevo con quello che avevo e che conoscevo. Ora mi conosco di più".

Questo va di pari passo con la terapia.

Creare più spazio nella tua vita in cui puoi essere connessa alla tua esperienza emotiva ti aiuta a liberarti della morsa che il mangiare e la dieta possono avere su di te.

Una volta che sarai in grado di sentire i tuoi sentimenti in modo autentico e avrai costruito un ambiente sicuro per elaborarli ed esplorarli, sarai in grado di onorarli piuttosto che nasconderti da essi.

Imparerai la differenza tra fame fisica e fame emotiva.

Sarete in grado di occuparti del dolore emotivo piuttosto che placare te stessa infliggendoti dolore fisico, mangiando così tanto da essere dolorosamente piena.

Per capire il tuo comportamento, dovrai capire quale funzione ha avuto.







Hai bisogno di contattarmi? Puoi inviarmi un Whatsapp CLICCANDO QUI


oppure puoi chiamarmi


dal Lunedi al Venerdi nei seguenti orari: 08.00-09.00 / 13.30-15.00 / 21.00-22.00



 

La Dr.ssa Claudia Scarpati è una Psicoterapeuta del Comportamento Alimentare ed è specializzata nell'aiutare adolescenti e adulti che lottano contro il Disturbo da Alimentazione Incontrollata, la Fame Nervosa, il Binge Eating e i problemi di immagine corporea.

Propone un percorso di Psicoterapia per i Disturbi Alimentari a Roma, in zona Eur.

Inoltre, fornisce sedute online per il recupero dei Disturbi Alimentari per tutte quelle persone che non hanno modo di raggiungere lo studio.

Whatsapp: 3408048443



LA FAME NERVOSA E' UN PROBLEMA AFFETTIVO?

bottom of page